Nel caso tu stia gestendo un sito di e-commerce, è estremamente importante che tu gli fornisca la miglior esperienza utente possibile.

Molte aziende ricorrono al supporto da parte di professionisti per ottimizzare la tassa di conversione, al fine di incoraggiare più utenti ad intraprendere il processo di acquisto.
Se ti preoccupa il fatto che la tua azienda stia perdendo potenziali clienti nel corso del processo di acquisto sul tuo sito internet, dai un’occhiata a questi cinque semplici consigli per ottimizzare l'”imbuto” di acquisto:

1. Spiega chiaramente i vantaggi del tuo/tuoi prodotto/i o servizio/i

Entra nella mente del tuo “cliente-target”. A cosa serve il tuo prodotto o servizio?
Nel corso dell’intero “imbuto” di conversione, è raccomandabile che tu invii al tuo cliente dei promemoria nei quali spieghi i motivi per i quali dovrebbe comprare il tuo prodotto o servizio. Usa degli argomenti brevi e diretti a sostegno degli obiettivi del tuo marchio e delle tue proposte di vendita (USP).

 

2. Organizza i tuoi contenuti e il design per rendere chiara la tua “chiamata all’azione” e per non distogliere l’attenzione degli utenti

La chiamata all’azione (CTA) della “landing page” (pagina a cui l’utente giunge) del tuo servizio è verosimilmente il più importante aspetto di qualsiasi processo di ottimizzazione dell’imbuto di conversione.
È il percorso diretto alla “lead generation” (generazione di una lista di possibili clienti). È importante che tu mantenga la concentrazione degli utenti su di essa.
Con questo in mente, noi consigliamo un uso moderato degli effetti visivi: dovranno essere usate solo le immagini che possono davvero migliorare l’aspetto della tua “landing page” e sostenere la CTA.
Il posizionamento strategico degli elementi sulla tua “landing page” è altrettanto importante. Il suo contenuto dovrebbe rassicurare gli utenti sulla qualità, sicurezza e personalità del tuo marchio e dovrebbe allinearsi strettamente all’approvazione della tua CTA.

 

3. Rimuovi i conflitti in ogni fase chiedendo il meno possibile all’utente
Affrontiamolo: a nessuno di noi piace trascorrere più tempo del dovuto facendo acquisti online. Uno dei motivi più comuni per il quale i clienti sfuggono all’imbuto di conversione è il semplice fatto che certe aziende rendono il processo d’acquisto troppo complicato. Che tu stia richiedendo un indirizzo email per l’iscrizione a una newsletter, un download di un PDF oppure i dati bancari per completare una vendita, assicurati di chiedere al cliente solo lo stretto necessario.
Semplificando il processo, ridurrai i conflitti inutili e il tempo richiesto agli utenti per muoversi dal “landing” sul tuo sito internet, alla schermata di pagamento.

 

aumentare la tassa di conversione4. Usa un titolo convincente per guidare gli utenti attraverso l’ultima fase della registrazione

È fondamentale che tu riveda la fase finale della registrazione di qualsiasi processo di conversione con estrema cura. In questo stadio, hai già guidato gli utenti lungo gran parte dell’imbuto, ma c’è ancora del lavoro da svolgere. Per far sì che gli utenti clicchino sulla CTA finale e completino il processo di conversione, prendi in considerazione l’uso di un titolo o di un contenuto che inducano i potenziali clienti a volerne sapere di più.
Il contenuto potrebbe essere una testimonianza di un cliente precedente che appoggi i tuoi servizi – incrementando così la fiducia e la sicurezza – o elementi di un caso di studio che puoi usare per rassicurare gli utenti sul fatto che la tua azienda è in grado di garantire loro grandi risultati.

 

5. Migliora i tempi di caricamento delle pagine

Gli utenti di Internet sono una “manica di impazienti”!
I tempi di attenzione online non sono mai stati tanto brevi quanto lo sono adesso, con statistiche che suggeriscono che un sito internet abbia a disposizione solo otto secondi per convincere un utente a rimanervi e ad approfondirlo. Con questo in mente, assicurati che il caricamento delle tue pagine sia il più rapido possibile.
Accertati anche che tutte le immagini vengano compresse a file le cui dimensioni siano le minime raggiungibili e, quando è possibile, fa uso del CSS per il design delle tue pagine web, invece che delle immagini. Se il tempo di risposta del tuo server è inferiore ai 200 millisecondi, allora anche questo sarà un buon segnale del fatto che le tue “landing page” stiano fornendo la miglior esperienza utente possibile.


Registrati ora Packlink PRO!